“Sig. Borrelli, volevo raccontarle l’episodio capitatomi oggi pomeriggio.Alla Riviera di Chiaia ho trovato, dopo un po’ di giri, un posto per la mia auto sulle strisce blu. Successivamente è arrivato un uomo sulla trentina, con solito abbigliamento e tratto caratteristico di un abusivo (giubbotto, orecchino e forte cadenza napoletana), chiedendomi con forza dei soldi. Mi ha dapprima chiesto gentilmente il mio nome e dove fossi diretto, e poi ha cambiato tono estorcendomi due euro e minacciandomi.

Inutile dire che ho chiamato la Polizia dopo l’accaduto. Ma se non fosse stato per lei e le sue battaglie, mai avrei trovato il coraggio di denunciare questo “cialtrone”, come direbbe lei.
La ringrazio infinitamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *